Migranti, l'accordo con la Turchia che imbarazza l'Ue

21/07/2016

Dopo il tentativo di golpe nel paese è in atto una dura repressione e si parla di reintrodurre la pena di morte. Può il governo Erdogan essere considerato un partner sostenibile per risolvere l'emergenza profughi? L'opinione del Cir e di Asgi raccolta dal Redattore Sociale

19 luglio 2016. Dopo il tentato golpe del 15 luglio, in Turchia è in corso una durissima repressione: sono stati arrestati circa seimila militari e ottomila agenti di polizia, tremila giudici sono stati sospesi e violazioni dei diritti umani sono state perpetrate ai danni di rappresentanti della società civile. Il presidente Erdogan ha annunciato di voler fare pulizia all’interno delle istituzioni e non si esclude anche la reintroduzione della pena di morte nel paese. Una situazione che preoccupa l’Unione europea e che ha riacceso il dibattito sulla possibilità di far entrare la Turchia in Europa. Non solo, ma da marzo 2015 è in atto tra Ue e Turchia il deal che riguarda i migranti e i richiedenti asilo. Un accordo già ampiamente contestato da tutte le organizzazioni umanitarie  e che oggi torna a far discutere. Può un paese che non rispetta i diritti umani e che sta attuando vere e proprie “purghe” di massa essere ancora considerato un partner con cui risolvere l’emergenza profughi?

Cir: “Turchia non è un paese terzo sicuro, l’accordo va superato”. Secondo Chrisopher Hein, portavoce del Consiglio Italiano rifugiati (Cir), l’Europa deve far un passo  indietro, per quel patto sono venuti meno tutti i presupposti e dunque va superato. “L’accordo tra Ue e Turchia non è un vero e proprio trattato internazionale, non ne ha la natura giuridica - spiega Hein -. E’ un’intesa politica che si può sciogliere senza formalità, e che a nostro avviso va sciolta, perché si basa sulla considerazione che la Turchia sia un paese terzo sicuro, in cui possono essere legalmente rimandati indietro i rifugiati dalla Grecia. E’ chiaro che questo presupposto, su cui ci siamo espressi negativamente in passato, oggi non è più sostenibile. La Turchia non è un paese terzo sicuro e dunque anche l’accordo con l’Ue deve venire meno”.
continua... (sito del Redattore Sociale)

11/05/2017
Dibattito a due voci sulla "questione siriana"
>>

30/09/2016
Eurostat. Mercato del lavoro: metà delle donne italiane sono fuori
>>

21/07/2016
Giornata Mondiale della Gioventù 2016
>>

21/07/2016
Italia. Al via l’attuazione della direttiva europea sul distacco transfrontaliero
>>